mercoledì 21 maggio 2008

Ministre da passerella per Berlusconi














El País, 21.5.08


[articolo originale di Laura Lucchini qui]

Silvio Berlusconi ha convocato oggi a Napoli il suo primo Consiglio dei Ministri. Dei 21 ministri del nuovo Esecutivo, solo quattro sono donne. Tuttavia, si sono fatte notare dalla stampa italiana e internazionale per la loro attraente immagine e per il loro passato. Berlusconi aumenta l'interesse con le sue dichiarazioni: "Sono bambine che bisogna svezzare e proteggere".

Tutti gli sguardi sono puntati sull'ex-modella, finalista nel concorso di Miss Italia nel 1997, showgirl televisiva e nuovo ministro per le pari opportunitá, Mara Carfagna, di 33 anni. La Carfagna diventó famosa in tutto il mondo l'anno scorso, quando provocó uno screzio pubblico tra Silvio Berlusconi e sua moglie, Veronica Lario. In una cena di gala, Berlusconi le disse: "Se non fossi giá sposato ti sposerei subito". Queste parole, intercettate dai giornalisti italiani, hanno fatto perdere la pazienza alla Lario, che mandó una lunga lettera al giornale La Repubblica, esigendo scuse pubbliche da suo marito. La Carfagna é il nuovo ministro per le pari opportunitá, un compito delicato in un paese dove il tasso di violenza di genere interessa il 30% delle donne tra 16 e 70 anni e dove non c'é nessun riconoscimento legale delle coppie omosessuali. Le sue prime dichiarazioni ("i gay in Italia non sono discriminati") hanno causato preoccupazione nella comunitá omosessuale.

Il ministro dell'ambiente, Stefania Prestigiacomo, "36 anni, cattolica, sposata, imprenditrice", come si legge sul suo curriculum online, é l'unica donna con lunga esperienza politica nel nuovo governo. Tra il 2001 e il 2005 fu ministro per le pari opportunitá nel governo Berlusconi. Prima era presidente dei giovani di Confindustria. Tuttavia, di lei si suole ricordare che fu eletta Miss Parlamento, nel 1994, nel suo debutto alla Camera dei Deputati.

Giorgia Meloni, 31 anni, che si occuperá delle politiche giovanili, é il ministro piú giovane nella storia della repubblica italiana. Si é formata nelle fila del partito Alleanza Nazionale. Inizió a lavorare a 15 anni e prima di entrare in parlamento faceva la giornalista. Prima di venire chiamata da Berlusconi arrivó nei titoli dei giornali della stampa internazionale per affermare che i militanti dei gruppi di ispirazione fascista uccisi alla fine degli anni '70 devono essere riconosciuti come "martiri d'Italia".

Giovane e attraente é anche Mariastella Gelmini, ministro della pubblica istruzione. La Gelmini ha percorso dal basso tutte le tappe della carriera politica. Fu consulente nel comune del suo paese, poi passó nel consiglio provinciale, fino ad arrivare alla direzione di Forza Italia nella regione lombarda. Lontana dalla vita mondana, suole vestire in modo sobrio. Dopo la sua nomina come ministro ha dichiarato: "Se non fosse stato per Berlusconi, non avrei mai fatto politica".

(si ringrazia Carolina per la segnalazione)


3 commenti:

Nciola ha detto...

laura Lucchini che ha scritto l'articolo è una mia carissima amica.

gli segnalo il vostro blog!

Ciao

Nicola

Harlot ha detto...

Nah, è tutta invidia quelli degli spagnoli: loro hanno ministri seri e vogliono divertirsi un pò, suvvia

(complimenti per il blog)

filomeno2007 ha detto...

Las Ministras Italianas son más Guapas