lunedì 23 giugno 2008

I frutti del potere











Il premier italiano e la legge
The Economist, 19.6.08

Il Governo disegna nuove leggi per imbrigliare la magistratura
[articolo originale qui]

SILVIO BERLUSCONI é un uomo di perseveranza. Due mesi dopo aver vinto le elezioni in Italia, sta iniziando ad occuparsi del sistema giudiziario, e di coloro che vi lavorano, con la stessa decisione dell'ultima volta che era stato al potere, nel 2001-06. Nella campagna elettorale ha detto che i pm dovrebbero farsi un esame di sanitá mentale. Adesso nuovi attacchi alla magistratura e discusse leggi per proteggere se stesso ed i suoi interessi finanziari sembrano di nuovo essere le sue prioritá.

Il 17 giugno Renato Schifani, Presidente del Senato, ha letto una lettera di Berlusconi che caldeggiava un emendamento proposto da due senatori che congelerebbe per un anno tutti i processi per reati commessi prima del giugno 2002, eccetto quelli che il Governo ritiene piú gravi. Alcuni critici dicono che ció sia incostituzionale, poiché cozzerebbe con il requisito che i processi dovrebbero avere una durata ragionevole e che si debba osservare l'iter legale dovuto. Berlusconi é sotto processo a Milano per corruzione giudiziaria, insieme ad un avvocato britannico che avrebbe dato una mano nell'imbastire una rete offshore di compagnie per l'impero finanziario di Berlusconi. Questo processo é prossimo alla conclusione e sará tra quelli che si bloccheranno. L'emendamento é stato approvato dal Senato il 18 giugno.

Nella sua lettera, Berlusconi sosteneva che molti processi sono stati imbastiti contro di lui da magistrati di estrema sinistra a fini politici. Ha anche detto a Schifani che vuole una legge per sospendere i processi che riguardano le piú alte cariche dello stato italiano. Schifani era dietro una simile legge nel 2003, che fu poi dichiarata incostituzionale.

Le intrusioni di Berlusconi nel sistema criminal-giudiziario stanno anche colpendo l'uso di intercettazioni nelle investigazioni. Il 13 giugno il Governo ha approvato un decreto per limitare ció che i magistrati possano fare e ció che i media possano divugare. I reati per i quali le intercettazioni sarebbero bandite includono quelli di bancarotta fraudolenta, abuso di mercato ed insider trading. Il governo sostiene che non ci sarebbe nessuna restrizione per reati di criminalitá organizzata e terrorismo. Ma Armando Spataro, un pm di Milano, dice che i limiti all'uso degli apparecchi per le intercettazioni potrebbero ostacolare le investigazioni sul terrorismo. E Franco Roberti, un magistrato antimafia a Napoli, nota che molte investigazioni sulla criminalitá organizzata iniziano con reati ordinari come estorsione, usura e contrabbando, per i quali adesso le intercettazioni saranno vietate.

Il decreto inoltre metterebbe il bavaglio a magistratura e stampa, con la minaccia del carcere per i pm che parlano dei processi e giornalisti i cui articoli usano informazioni estratte da investigazioni. Un nuovo piano per avere migliaia di soldati che facciano le funzioni della polizia in cittá come Bologna, Trieste e Venezia sembra essere una cortina di fumo per il vero approccio del governo nei confronti del cimine: duro su alcuni reati, ma permissivo su altri. Dietro la cortina di fumo, Berlusconi sta di nuovo raccogliendo i frutti del potere.

(segnalato da sharon)

2 commenti:

Alessandro Tauro ha detto...

Volevo fare a tutti i miei enormi complimenti per il blog!
L'idea di creare una finestra "dall'estero" sulle notizie di casa nostra credo sia quanto di più geniale si possa fare!
E personalmente credo che sia il tentativo più istruttivo e intelligente di fare VERA INFORMAZIONE in un paese come il nostro, dove si fatica a farla realmente.
Complimenti davvero!
Ogni tanto anch'io tento di porre l'attenzione sul punto di vista estero relativamente alle notizie di rilevanza nazionale, ma molto più sporadicamente e con una qualità decisamente inferiore! ;)

Approfitto per dirvi che mi permetto di inserire il vostro blog tra i link del mio. Spero che qualcuno dei miei lettori faccia così un salto sul vostro (sempre che non lo faccia già) perché credo che ne valga davvero la pena!!

RushSeeker ha detto...

Si... concordo appieno. Splendido il blog... lo seguo con grande curiosità e grande interesse.

Giustizia inesistente... giornali imbavagliati... esercito per le strade, ditemi voi se non è regime........