mercoledì 25 giugno 2008

"Dei Delitti e delle Pene" alla berlusconiana












The Guardian, 24.6.08


La democrazia é in pericolo quando un premier - egli stesso coinvolto in un processo per corruzione - inizia una guerra contro la magistratura
[articolo originale di Giulia Laganá qui]

Il celebre saggio del XVIII secolo del filosofo illuminista italiano Cesare Beccaria, "Dei Delitti e delle Pene", che ha posto le fondamenta del moderno pensiero su detenzione, tortura e pena di morte, inizia con lo sviluppare la nozione che le sentenze di incarcerazione dovrebbero servire a stimolare l'integrazione sociale dei criminali, piú che considerare la punizione come una sorta di mera vendetta sociale.

Il governo Berlusconi, che é salito al potere due mesi fa sulla scia di un'ondata di panico pompata dai media su una presunta impennata dei tassi di criminalitá, sta al momento srotolando leggi che inaspriranno le sentenze per un certo numero di reati minori e assicureranno che l'accesso dei detenuti a programmi di servizio sociale come alternativa al tempo di detenzione sia drasticamente ristretto. Gli immigrati in Italia - e quelli irregolari in particolare - sconteranno la pena di questi provvedimenti, nonostante la stragrande maggioranza dei criminali nel paese sia costituita da cittadini italiani.

Berlusconi, per quanto i media stranieri possano dilettarsi nel descrivere le sue stramberie, non é soltanto un giullare permanentemente abbronzato con l'ossessione dei trapianti di capelli e della chirurgia plastica ed un debole per le barzellette di cattivo gusto su tedeschi, donne, omosessuali e sua moglie. L'ex-cantante di crociera ha dimostrato quanto sia pericoloso per la democrazia nei suoi precedenti 5 anni al potere, quando ha portato avanti cambi nella legislazione per evitare i processi o per bloccare investigazioni nei suoi oscuri interessi, consolidato il suo impero mediatico, esercitato controllo assoluto sulla televisione pubblica, lanciato attacchi alla magistratura, incoraggiato i servizi segreti a spiare e raccogliere dati su decine di migliaia di presunti giornalisti, imprenditori e intellettuali di sinistra, e presidiato un summit del G8 nel 2001 dove, secondo Amnesty International, le autoritá italiane hanno violato i diritti umani dei dimostranti su vasta scala.

Questa volta, gli alleati di Berlusconi nel parlamento hanno giá intavolato proposte per bloccare un decreto dell'UE che trasformerebbe una delle stazioni TV terrestri del premier in un canale su satellite. La settimana scorsa, i suoi avvocati/parlamentari hanno inserito un nuovo, all'apparenza contraddittorio emendamento nel "pacchetto sicurezza", un insieme di regole che induriranno la legislazione riguardo immigrazione e asilo, peresguiranno i reati minori e sguinzaglieranno l'esercito nelle maggiori cittá. L'emendamento "blocca-processi", com'é conosciuto adesso, bloccherá tutti i processi in corso per reati che prevedono una pena massima di 10 anni di carcere e che sono stati commessi prima del 30 Giugno 2002 - una data apparentemente arbitraria, che per coincidenza assicurerá che il piú recente processo per corruzione di Berlusconi - che coinvolge David Mills, marito adesso alienato di Tessa Jowell - si blocchi.

In un summit tenuto venerdí scorso a Bruxelles, un insolitamente cupo Berlusconi ha sfogato la sua rabbia contro i magistrati che, a suo dire, vogliono "sovvertire la democrazia". Il premier italiano ha promesso che avrebbe "denunciato le iniziative di giudici e pm che si sono infiltrati nel sistema giudiziario [e] vogliono sovvertire il voto". I sondaggi mostrano che gli italiani, che sono stati soggetti ad un'intensa campagna dei media lunga 14 anni apta a provare che i magistrati "rossi" hanno un risentimento personale contro Berlusconi, appoggiano le proposte del governo per restringere l'indipendenza della magistratura. La "opposizione fantasma" italiana, come the Economist ha recentemente ribattezzato il Partito Democratico (vedi nostro precedente post, ndr), ha a malapena segnalato che potrebbero votare un'altra proposta di legge per garantire l'immunitá ai presidenti della Repubblica, del Consiglio, del Senato e della Camera se l'emendamento "blocca-processi" fosse ritirato.

Il marchese di Beccaria faceva sagacemente notare che "la piú grande felicitá della collettivitá é il fondamento della morale e della legislazione" (frase che in veritá é di Jeremy Bentham ma ripresa dalle tesi di Beccaria, ndr). Nell'Italia di Silvio Berlusconi, la piú grande felicitá di un particolare individuo sembra essere modellare la morale e la legislazione - sovvertendo la democrazia in uno stato membro fondatore dell'Unione Europea.

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Gli articoli "lucidi" solo nei giornali esteri.

Garo ha detto...

"Il governo Berlusconi, che é salito al potere due mesi fa sulla scia di un'ondata di panico pompata dai media su una presunta impennata dei tassi di criminalitá (...)". Avete mai sentito pronunciare in TV queste parole? Le avete mai lette su qualche giornale, anche non filogovernativo? Sentite ancora parlare di SICUREZZA? Ora che l'Europeo per l'Italia è finito, per tenere sotto anestetico il popolino catodico c'è il caldo. E poi, quando la temperatura delle nostre città tornerà mite e vi sarà da sviare l'attenzione da qualcosa di "rilevante", ritorneranno Cogne,Garlasco,Perugia, Erba etc. etc. Possibile che l'italiano medio non si renda conto di tutto ciò??
Alla prox, Garo

Tetsuo1980 ha detto...

Ragazzi vi leggo ogni giorno anche se non ho mai postato (e probabilmente continuerò a commentare poco) continuate così siete una ventata di aria fresca e "democratica" per noi italiani!
Grazie!

Davide ha detto...

Grazie di renderci partecipi e di tradurci questi articoli ogni giorno, ci fate sentire meno soli e qualche piccola conferma ogni tanto che ciò che pensiamo è vero ci regala un po' di forza

stefano ha detto...

continuo a leggervi ormai quotidianamente. grazie mille per l'utilissimo lavoro che state facendo.

ciau

Anonimo ha detto...

forse è meglio dire cosa pensano all'estero dei politici italiani perchè i cittadini comuni in italia al massimo hanno sbagliato a dare il voto a berlusconi e a veltroni

Francesco e Zara ha detto...

Ciao ragazzi. Oggi hanno parlato di Berlusconi anche qui in Brasile, nel mio blog zaraetripo.blogspot.com ho scannerizzato e postato un articolo della Folha di São Paulo.

Che schifo!

Fabio ha detto...

tante volte si dice la coincidenza... Due mesi fa io e altri due "italiani all'estero" - ignari di questa bella e lodevole iniziativa - abbiamo avviato un blog analogo su wordpress. Noi siamo tutti e tre residenti in Giappone, ma si copre alla meglio (cioe'...io... gli altri due... ehm) un po' di Uk, Usa, Germania, Francia e Spagna (oltre, naturalmente al Giappone). Nulla... questo e' l'indirizzo, tante volte vi andasse di dare una sbirciata
wordpress.pizzamandolinomafia.com
Che non ne nasca un gemellaggio...

massimo da Monterotondo ha detto...

purtroppo siamo entrati nel regime berlusconiano ce poco da fare (anzi ci sarebbe molto da fare ) l'hanno scelto la maggioranza dei miei concittadini per non parlare delle intercettazioni rese pubbliche dai magistrati di Reggio Calabria ad aprile del signor Marcello Dell'Utri che parla al telefono con alcuni membri della 'ndrangheta calabrese per prendere voti all'estero degli Italiani............lo scenario e molto chiaro e inutile che aggiungo altro............

noi cittadini italiani la parte onesta del Paese possiamo solo fare una cosa scendere in piazza e non far passare impunito questo signore che si fa chiamare il Cavaliere..............
un saluto a tutti da un'uomo tra la folla.............

Anonimo ha detto...

"...nei suoi precedenti 5 anni al potere, quando ha portato avanti cambi nella legislatura per evitare i processi..."

Immagino sia un refuso:
"cambi nella legislazione" forse ?

roberto ha detto...

ragazzi se lo psiconano legge questo articolo cosa vuoi che dica?
il the guardian è un giornale del regime comunista è una metastasi della democrazia non lo scrivono dei giornalisti inglesi ma bensi'dei magistrati rossi che vogliono attentare alla democrazia italiana.
lui è unto dal signore è invincibile

Daniele ha detto...

Grazie a tutti per i commenti!

@fabio: puoi mandarmi un'email? Non l'ho trovata sul vostro blog!!

@anonimo: grazie, ho corretto l'errore.