mercoledì 8 luglio 2009

Silvio Berlusconi risponde alle critiche sul summit del G8










The Guardian, 7.7.09


Il premier italiano definisce il report sulle pressioni per un'organizzazione caotica del summit come la "colossale cantonata di un piccolo giornale"

[articolo originale di Julian Borger e John Hooper qui]

Silvio Berlusconi ha cercato di smentire le voci secondo cui i preparativi per il summit del G8 sono stati talmente disorganizzati da mettere in discussione l'appartenenza dell'Italia al gruppo.

Il premier italiano ha detto che il report di ieri del Guardian, che cita membri senior del G8 che hanno detto che gli USA hanno preso il comando nell'organizzare l'agenda per il summit, è "una colossale cantonata di un piccolo giornale".

Parlamentari dei paesi del G8, che non hanno voluto essere nominati, hanno detto al Guardian che in assenza di iniziative italiane per il summit, Washington avrebbe organizzato le conferenze tra gli "sherpa" - i diplomatici che preparano il summit. Ci sono anche state dure critiche all'Italia per non essere riuscita a mantenere le promesse sugli aiuti umanitari.

Il Guardian oggi dichiara di respingere nel modo più totale qualunque insinuazione sull'infondatezza delle sue notizie.

"Spero che il Guardian venga espulso dai grandi giornali del mondo", ha detto il Ministro degli Esteri Franco Frattini. "Quello che dice il Guardian è una barzelletta - non ha senso".

Il Ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ha invitato a boicottare il quotidiano per il suo articolo.

Un portavoce del Ministero degli Esteri italiano ha detto che ci sarebbe stato un fraintendimento sulle teleconferenze degli "sherpa". Dice che una sarebbe stata effettivamente organizzata dagli USA, ma aveva come scopo l'organizzazione di un summit del G20 a Pittsburgh a settembre.

Il portavoce ha anche detto che un'iniziativa sulla sicurezza alimentare, che il Guardian ha detto essere portata avanti dagli USA, sarebbe stata scritta dall'Italia.

L'Italia ha fatto circolare un documento sulla sicurezza alimentare l'anno scorso, ma il Guardian capisce che l'iniziativa nella sua forma corrente, mirata a supportare l'agricoltura nei paesi in via di sviluppo, sia stata messa insieme sotto la leadership degli USA. Le fonti del Guardian hanno confermato che l'argomento principale delle chiamate tra "sherpa" organizzate dagli USA è stato il meeting del G8 di domani a L'Aquila.

C'è una pressione crescente da parte degli USA e delle potenze emergenti come Cina, India e Brasile di espandere il G8 "club dei paesi ricchi" e di concentrare la rappresentanza europea.

Bruce Jones, un pezzo grosso della Brookings Institution a Washington, ha detto che nei prossimi tre anni si farà pressione sugli stati europei per fargli decidere chi dovrebbe rappresentare l'UE nel G8 o qualunque più ampio gruppo successivo, così come nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU e nel Fondo Monetario Internazionale.

Tutte e tre le istituzioni devono essere riformate per essere più rappresentative del bilanciamento dei poteri del 21° secolo, e questo porterà probabilmente a sminuire l'influenza europea, con alcuni paesi che resteranno tagliati fuori. "C'è già frustrazione tra gli europei che non hanno fatto ordine in queste cose", ha detto Jones.

Anche la Gran Bretagna è stata attaccata per la sua organizzazione del meeting del G20 a Londra lo scorso aprile, al quale Spagna, Olanda, Thailandia ed Etiopia sono state invitate all'ultimo momento. Membri americani si sono lamentati del fatto che la lista allungata degli ospiti abbia reso il forum instabile e il formato del G20 meno attraente.

Jones ha aggiunto che il ruolo di comando assunto dagli USA, anche se non sono il paese ospitante del summit di domani, sarebbe un segnale delle cose a venire. "Le critiche agli italiani sono più che giustificate, ma c'è qualcosa di più grosso qui. È inevitabile che gli USA giocheranno un ruolo più centrale nell'organizzazione di un G8 espanso. Se ci saranno più giocatori sul tavolo, non tutti democrazie occidentali, c'è ancora più bisogno di un forte nucleo centrale. Questo può essere rappresentato solo dagli USA".


4 commenti:

Andrea ha detto...

ormai fanno come i centri sociali, pubblicizzano il boicottaggio..beh io da oggi boicotto berlusconi..

Stefano Z ha detto...

Un commento del sito di Grillo riportava questo:
-- DAL CORRIERE:

OBAMA E GLI SHERPA:

Sui temi del G8 «il governo italiano ha dimostrato una forte leadership» ha ribadito più volte il presidente americano, sgombrando di fatto il campo dalle polemiche sollevate dal New York Times.

Lo stesso sherpa americano del G8 Mike Froman ha voluto specificare che la presidenza italiana ha fatto «uno splendido lavoro» nella preparazione del vertice sia sull'agenda politica che per la logistica.

E il presidente della Commissione Ue, Josè Manuel Durao Barroso, rispondendo a una domanda dei giornalisti su una possibile fuoriuscita dell'Italia dal club dei grandi ha spiegato che si tratta di una ipotesi «assolutamente non credibile».--
non ho però trovato l'articolo citato sul Corriere ed il commentatore non ha postato il link.
Un saluto

Alessandro ha detto...

bambini senza dignità, ecco chi ci governa

Anonimo ha detto...

DAI INVITATE AL G8 ANCHE BRUNETTA CHE COSI VI FATE UN BEL G8 E 1/2!